Blefaroplastica: come eliminare borse e occhiaie

Uno sguardo più giovane permette, da un punto di vista estetico, di rendere più luminosa l’immagine complessiva del nostro viso. L’intervento di blefaroplastica punta a correggere le pieghe delle palpebre, l’abbassamento del sopracciglio e di eliminare le borse dagli occhi.

Per chi è indicata?

La blefaroplastica è indicata per quelle persone, sia uomini sia donne, che presentano nella parte circostante l’occhio la comparsa di “borse” oppure palpebre gonfie e cadenti, dovute all’invecchiamento o per natura costituzionale. Generalmente la fascia di età che richiede più spesso questo tipo di intervento è quella che va dai 35 ai 55 anni. La maggior parte dei pazienti che intende sottoporsi alla Blefaroplastica lamenta un’espressione “stanca” fin dal mattino, altri dicono di avere uno sguardo non più vivace come negli anni addietro.

Tuttavia, la blefaroplastica può essere richiesta da pazienti di qualsiasi età; sebbene sia prevalentemente utilizzata per correggere i segni dell'invecchiamento del contorno degli occhi, essa può essere eseguita anche in pazienti giovani che presentano problemi di natura estetica della regione palpebrale. Se lo si desidera è possibile anche modificare la forma dell'occhio.

Descrizione degli interventi

L’intervento, che non risulta invasivo, può riguardare solo la palpebra superiore, solo la palpebra inferiore o entrambe.

Nella Blefaroplastica Superiore l’incisione è nascosta all’interno delle pieghe della palpebra, e attraverso questa è possibile rimuovere l’eccesso di cute e, laddove necessario, l’eccesso di grasso.

Nella Blefaroplastica Inferiore, invece, attraverso un’incisione nascosta sotto le ciglia, è possibile eliminare le fastidiose “borse” e tendere la pelle verso l’alto dando all’occhio un effetto più fresco e giovanile.

Nei pazienti giovani, che non presentano surplus di pelle, è possibile rimuovere le “borse” attraverso una piccola incisione nella parte interna della palpebra, senza alcuna cicatrice visibile (Blefaroplastica Transcongiuntivale).

Tutti questi interventi possono essere effettuati in anestesia locale, con o senza l’utilizzo di una piccola sedazione, secondo le preferenze del paziente. La blefaroplastica non lascia di norma cicatrici visibili, dura almeno otto-dieci anni (con eventuale ritocco) e restituisce un viso e uno sguardo fresco con un campo visivo migliorato.